CARI AMICI INIZIO A SALUTARVI

L’homo sapiens ha saputo costruire un convivere sociale su due sentimenti inevitabilmente contrastanti: il SOGNO E L”IPOCRISIA. Io mi sento come il “sognatore del compaesano Ennio FLAIANO, che cammina caparbiamente coi piedi poggiati sulle nuvole”.
A) SOGNO. Sul mio sito www.enniodifrancesco.it è da oggi disponibile “IL RITORNO DEL PICCOLO PRINCIPE” IN INGLESE. Chi vuole troverà le indicazioni che portano a scegliere l’una o l’altra versione. Non so chi mi abbia ispirato a scrivere questo racconto. Esso continua il sogno di Antoine de SAINT EXUPERY, ma sembra prevedere anche l’implosione COVID sulla Terra. E’ piaciuto alla vedova di Tiziano TERZANI, a Dacia MARAINI, e Giuliano MONTALDO interpreta l’ultima parte. Vi suggerisco di leggerlo e ascoltarlo se vorrete ritrovare il “Piccolo Principe” che è in ciascuno di noi, e farlo “percepire” a figli e nipoti. Peraltro potrete farlo gratis. Diedi l’anteprima Nazareno GIUSTI. Gli piacque, coi disegni di Sergio DIELLA. I suoi Genitori lo sanno. Continuerò anche in suo onore il sogno per una società migliore, che Lui ha interrotto il 4 aprile 2019, a 30 anni, al Reparto Mobile di Firenze. Sulle sue ricerche, ho continuato un manoscritto per Giovanni PALATUCCI, ultimo Questore di Fiume italiana, arrestato dalle SS, torturato e morto a Dachau il 10 febbraio 1945, per avere salvato ebrei e perseguitati dalla deportazione nazi-fascista. Ora è all’attenzione di una Casa editrice cattolica. Speriamo. Avevo conosciuto Nazareno dieci anni fa, in occasione del fumetto da lui disegnato su questo sventurato commissario “GIUSTO TRA LE NAZIONI” che si vuole uccidere ancora dopo Dachau. Due anni fa Nazareno aveva iniziato a trarre un fumetto dal mio “Un commissario” con prefazione di Norberto BOBBIO.
B) IPOCRISIA. Non mi occuperò più del sogno di una polizia “veramente” al servizio della Collettività e della Democrazia. Forse qualcuno ha letto il mio ultimo post : “Mai più sangue sulla divisa”, sull’omicidio di George Floyd durante il suo arresto e il suo “ I can’t breathe”. Ogni uomo, di qualsiesi razza, colore o criminale che sia, non può essere trattato così. Non me ne occuperò più, per  l’INVOLUZIONE DEL SOGNO che volevamo con la riforma democratica di polizia che con la legge 121/81  contribuì negli anni di piombo ad evitare tensioni sociali fratricide e manovre eversive. Sono ormai anziano e rottamato, ma prego tutti di seguire l’esortazione di Norberto BOBBIO: “Occorre essere sempre democraticamente vigilanti !” Dopo avere letto il mio manoscritto “Un Commissario”, mi onorò della sua testimonianza. Da lì Nazareno Giusti era partito.
Domani posterò il filmato dell’incontro da me organizzato il 29 febbraio scorso a Pescara su “Malessere e male oscuro tra le Forze di Polizia”, quindi l’ultimo sulla riforma democratica di polizia che si è voluta affossare.
Grazie dell’attenzione. Vostro Ennio